Esegui ricerca

Come funziona il sistema MOSE di Venezia

Quattro barriere costituite da 78 paratoie mobili indipendenti in grado di separare temporaneamente la laguna dal mare per difendere Venezia dalle alte maree.

Come funziona il sistema MOSE di Venezia

Le barriere vengono realizzate ai tre varchi del cordone litoraneo attraverso i quali la marea entra in laguna:

  • 2 a Lido (21 + 20 paratoie) data l’ampiezza di questa bocca di porto e la presenza di due canali con diverse profondità
  • 1 a Malamocco (19 paratoie)
  • 1 a Chioggia (18 paratoie).

Le paratoie inattive restano piene d’acqua e completamente invisibili nei loro alloggiamenti nei fondali dei canali di bocca.

In caso di alta marea, viene immessa aria compressa nelle paratoie per svuotarle dall’acqua. Via via che l’acqua esce (in totale 30 minuti), le paratoie, ruotando attorno all’asse delle cerniere, si sollevano fino a emergere e a bloccare il flusso della marea in ingresso in laguna.

Quando la marea cala, le paratoie vengono di nuovo riempite d’acqua e rientrano nella propria sede (in 15 minuti), senza interferire con il ricambio d’acqua tra mare e laguna.

Il Mose assicura la completa difesa del territorio dagli allagamenti, non modifica gli scambi idrici alle bocche di porto (non altera le profondità e le sezioni preesistenti dei canali di bocca), non interferisce con le attività economiche che si svolgono attraverso le bocche:

  • alla bocca di Malamocco è stata infatti realizzata la conca di navigazione per grandi navi (illustrata nella fotografia) che consente l’operatività del porto con le paratoie in funzione
  • le altre conche di navigazione (2 a Chioggia e una a Lido – Treporti ) consentono invece il transito di pescherecci e imbarcazioni da diporto con le paratoie in funzione.

Il costo del “Sistema Mose” ammonta a 5.493 milioni di euro. Ad oggi sono stati già finanziati 5.267 milioni. Il fabbisogno residuo è di 226 milioni di euro.

Gli addetti coinvolti nella realizzazione del Mose sono stimabili in circa 4000; di questi, un migliaio sono impegnati nei cantieri alle bocche di porto.